martedì 28 maggio 2013

#8 - Rules makers

Today one of my friend told me: "You doesn't follow fashion as you did." I was surprised, what does it mean? Am I not fashionable anymore? Maybe I have never been on the line. Verdicts can always make a bad influence on you or they can make you thinking how you are wrong. Doing something to feel you better, as you have to release yourself. Honestly the fact of the matter isn't this one. I was asking to myself, who has the power to say "this is cool", "this is not"? Who makes the rules? In fashion there is something called "personal taste". But it seems that it doesn't matter anymore. Holy crap! How is it possible? Fashion should mean freedom, but society or people have imposed some limits. But why we have to follow these? In the world there are so many groups of people: indie, hipster, dark, nerd, preppy and so much more. People look different. People are different and I like it. There'll always be someone who criticizes the way you are or the way you look. Who cares! Just be you. Even if you want going around naked. Do it. Just do it. Do what makes you happy. I'm trying to follow all my advices too, even it seems so hard. 

Be yourself is cool. Follow this fashion, not the others.


Oggi un mio amico mi ha detto: "Non segui più la moda come un tempo". Questa frase mi ha un po' spiazzato, che significa? Significa che non sono più alla moda? Forse non lo sono mai stata, non sono mai stata in linea. I giudizi su di te possono sempre influenzarti o indurti a ritenere te stessa in debito, come se dovessi fare qualcosa per riscattarti. Onestamente il nocciolo della questione non è questo. Stavo chiedendo a me stessa, chi ha il potere di dire "questo è bello", "quello no"? Chi ha deciso le regole del gioco? Nella moda c'è qualcosa chiamata "gusto personale". Ma sembra che non sia più importante, oggigiorno. Ma che diavolo! Com'è possibile? Il mondo della moda dovrebbe essere sinonimo di libertà, ma la società o le persone stesse hanno imposto dei limiti. Ma perchè dovremmo seguirle? Al mondo esistono così tanto gruppi di persone: indie, hipster, dark, nerd, preppy e tanti altri. Le persone appaiono diverse, tanti pezzi di un grande puzzle. Le persone sono diverse e mi piace. Ci sarà sempre qualcuno che criticherà come sei o come appari. Ma chi se ne frega! Sii solo te stesso. Anche se vuoi andare in giro nudo. Fallo. Fallo e basta. Fai ciò che ti rende felice. Anche io sto provando a seguire i miei stessi consigli, anche se sembra difficile.


Essere te stesso è bello. Segui questa moda, non le altre. 


 


 



 



lunedì 20 maggio 2013

#7 - Time flies

When I woke up today, I saw my calendar on the wall. It's the 20th of May. One month left to my exams, which are the end of my highschool. One month left and my school's story is over. I'm done, we are done. I feel kinda strange because I've never thought that I'd be sad about the end of the school. But, you know.. When you make a journey for 5 years with the same people everyday, sooner or later you are going to miss it, to miss them. I know every single person who was in that room with me. I perfectly know that room, that people. Their eyes don't have any secrets for me. I know all the types of their smiles. I know when they are mad or they are exciting for something of special. I shared with them all my little secrets, all my feelings: everything. They are absolutely my 2nd family. Honestly I've never thought that I would be like this. I'm the not romantic one. I'm the type of girl that you'll never hear to say "sweetie, cupcakes, teddybear" to someone. I'm the cold one. But now, I really need to say what I have in my heart. I feel inside of me the fear of losing all my memories linked to the highschool. I don't want to lose my friends. I know that we are getting bigger and time flies, day by day. We are going to be adults and it will be difficoult keeping good relations. We are going to make our life in some different places. We'll have different lifes. I'm freaking scared about never see them again as I do now. I'm afraid of losing their friendship. Is it a normal thing?
When the highschool ends, even friendship ends?! (I don't know if my english is correct, anyway..)
I wish that we'll always be the same. I'm pretty sure that our love never disappears. It's more than "highschool stuff". It is about us. 
Whatever happens, I love you guys. Remember that. 

Al mio risveglio questa mattina, ho guardato il calendario appeso al muro. Il 20 Maggio. Un mese ai miei esami di Stato, la fatidica maturità, il segno indelebile che il liceo è finito. Un mese e la mia carriera scolastica si conclude. Ho finito, abbiamo finito. Sento una sensazione strana, un misto tra disagio e malinconia, anche perchè non ho mai (e ripeto, mai) pensato che sarei stata triste riguardo la chiusura di questo capitolo della mia vita. Ma, come sapete bene quando si intraprende un viaggio per 5 anni con le stesse persone, tutti i santi giorni insieme, prima o poi ti mancherà tutto questo. Ti mancheranno i tuoi compagni di avventura. Conosco ogni singola persona che è stata in quella stanza con me. Conosco perfettamente quella stanza, quelle persone. I loro occhi non hanno segreti, per me. So riconoscere tutti i loro tipi di sorrisi. So quando sono arrabbiati, tristi o emozionati per qualcosa di speciale. Ho condiviso con quelle persone tutti i miei segreti da adolescente, tutte le mie emozioni: ho condiviso con loro la mia vita. La mia classe è la mia seconda famiglia. Onestamente non avevo mai pensato di essere così. Non sono una tipa romantica. Anzi, sono il tipo che non sentiresti mai dire "cuoricino, dolcezza, orsacchiotto" a qualcuno. Eppure, in questo momento sento il bisogno di dire quello che provo. Sento dentro di me la paura di perdere tutti i miei ricordi riguardo il liceo. Non voglio perdere i miei amici, in realtà. So che stiamo crescendo e che il tempo vola, giorno dopo giorno inesorabilmente. Diventeremo adulti e sarà difficile mantenere i rapporti. Costruiremo le nostre vite in posti diversi. Avremo delle vite diverse sostanzialmente. Sono spaventata di non rivederli più come faccio ora. Ho paura di perdere la loro amicizia. E' una cosa normale o devo preoccuparmi? 
Quando la scuola finisce, finisce anche l'affetto che ci lega? 
Auguro a noi di rimanere sempre uguali. Sono piuttosto sicura che il nostro affetto non sparirà mai. E' più di una roba da liceali. Riguarda noi.
Qualsiasi cosa accada, vi voglio bene. Ricordate solo questo.

A Maria Chiara, Edoardo, Mariafrancesca, Mario R, Elisabetta, Erica, Angela, Mario G, Marco, Rosy, Damiano, Alessia, Elena e Mario C. 

venerdì 17 maggio 2013

#6 - Be inspired

I was thinking how weird is seeing something or just feeling something inside, that captures your attention. In that moment something of magic happens, and what do you feel? Everything can inspire you. Even a color, a picture, a detail, a sound. I've always loved fashion because it is what I'm talking about. Fashion means Inspiration. Fashion is just a circle, what goes around comes around. But when it happens, it looks like always new. Just think about the old fashions and the new ones, they are the same. And that makes me smile, old stuff make me safely but the new ones electrify me, impassion me, achieve me. They are exciting. 
I have just a little advice for you, my sweet readers: Inspire and let inspire you. 
Let all the beautiful things there are in the world enter in your heart. Be bright, be happy.


Stavo pensando a come è strano vedere qualcosa o sentire qualcosa dentro, che cattura immediatamente la tua attenzione. In quel momento accade qualcosa di magico, non saprei dire cosa. Quando succede, cosa sentite? Tutto può impressionarvi, catturare la vostra attenzione, ispirarvi. Anche un colore, una fotografia, un dettaglio, un suono. Amo da sempre la moda perchè è proprio quello di cui sto parlando ora. Moda è sinonimo di Ispirazione. La moda è un cerchio, quello che passa prima o poi ritorna. Ma quando questo accade, non so per quale motivo ma sembra qualcosa di nuovo, qualcosa di mai visto. Basta pensare alle mode che si susseguono, le vecchie sono le nuove, sempre. E' buffo e mi fa sorridere. Il passato rassicura, ma le novità mi elettrizzano, mi appassionano, mi conquistano. Le cose nuove sono eccitanti.
Ho solo un piccolo consiglio da darvi, mie dolci lettrici: Ispirate e lasciatevi ispirare.
Lasciate che tutte le cose belle, che la vita vi ha preservato, entrino nel vostro cuore. Siate brillanti, siate felici.














P.S. Oggi è venerdì 17, non siate superstiziosi che porta sfiga! (:

domenica 12 maggio 2013

#5 - Two hearts, one love.



The 12th May. Dear Mom..

There is no one like a mother. Every mother should get more than just one day for being celebrated, maybe a year. Maybe, they should get a statue. They would deserve it. Today is the day. "The Mother's Day". Such an idiot day.
My mom deserves so much more, she deserves all the colors of the rainbow. She deserves all the flowers in the garden. All the chocolate candies in the box. All the sun-rays. I don't want to be bromide, but I just want to say to Her something.

Mom, I know you're going to read these few lines, but please don't cry. You taught me how to be patient. You taught me how to care. How to talk, how to write. If tonight I'm here, it's just for you. You made my life. You made me. Your smile is my safe place. Every caress you gave me was a gift. A huge gift. I really would give a gift to you, sometimes. I want to make you proud of me, of us. Just because, you make us proud of you everyday. You are more than everything: more than a woman, more than a friend, more than a parent. All my world is you. I hope that I'm making you happy about me, I'm trying to be the daughter you wanted. 
You are the mom that I wanted.

Thank you mom for being you.

                                           

12 Maggio. Cara Mamma..

La verità delle verità, come la mamma non c'è nessuno. Tutte le mamme meriterebbero più di un giorno per essere festeggiate, forse un anno. Forse, una statua. Ma non so se basterebbe. Indubbiamente, lo meritano in pieno. Oggi è il grande giorno. "La festa della Mamma". Che festa stupida.
Mia madre, come tutte le mamme del mondo, merita molto di più. Lei merita tutti i colori dell'arcobaleno. Merita tutti i fiori che ci sono in giardino. Tutti i cioccolatini nella scatola a forma di cuore. Tutti i raggi del sole. Non voglio essere banale, ma ritengo sia opportuno dire a MIA madre qualcosa.

Mammina, so che leggerai queste poche righe, ma ti prego non piangere. Mi hai insegnato ad essere paziente, attenta. Mi hai insegnato come prendersi cura delle persone e di me stessa. Mi hai insegnato a parlare, a scrivere. Se stasera sono qui, è solo grazie a te. Hai creato il mio mondo. Hai creato me. Il tuo sorriso è il mio porto sicuro. Ogni carezza, che mi hai dato, è stato un dono. Un enorme dono. Vorrei tanto fartelo io un regalo, una volta tanto. Voglio renderti orgogliosa di me, di noi. Solo perché, tu ci rendi orgogliosi tutti i giorni. Sei più di qualsiasi cosa: più di una semplice donna, molto di più di un'amica, molto di più di un genitore. Sei tutto il mio mondo. Spero di renderti felice, sto cercando di essere la figlia che desideravi. 
Tu sei la mamma che desideravo. 

Grazie mamma per essere te stessa. 







EVEN IF, I RE-OPENED THE BLOG FROM FEW DAYS I'VE ALREADY RECEIVED MORE THAN 100 VISITS. THANK YOU SO MUCH. I'M SENDING ALL MY LOVE TO YOU!

giovedì 9 maggio 2013

#4 - My favorite one.

Writing is one of the most sensitive things in the world. Writing means open your world and your heart to the others. Letting our thoughts go. Confiding our secrets and our opinions.
I want to let you in my world, in my mind. And this one is the best place to make it. I trust your minds. 

I really desire to show you one of my favorite poetries. It is from an italian poet, Eugenio Montale. I know that it's hard to understand if you're not italian, but believe me: it deserves. Try to figure out.

While I'm reading those lines, I always think about my grandmother. She is the light in the darkness. Maybe, I should say "she was". But I don't and I'll never do it. She is always with me. Everything I do, I do it for her. I really miss you.
Love you deeply. 

Xenia II, 5      

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue. ”                  
--------------------------------------------------
Scrivere è una delle cose più sensibili e toccanti al mondo. Scrivere significa aprire il proprio mondo e il proprio cuore agli altri. Lasciare fluire i pensieri. Confidare i nostri segreti e le nostre opinioni.Voglio farvi entrare nel mio mondo, nella mia testa. Questo è il posto migliore per farlo. Mi fido delle vostre teste.
Desidero fortemente mostrarvi una delle mie poesie preferite. E' di Eugenio Montale. Gli Italiani potranno godersela al meglio, mi dispiace per chi non potrà capire queste profonde parole. Se siete stranieri, sforzatevi di capire. Merita moltissimo.
Mentre leggo queste righe, penso sempre a mia nonna. Lei è la luce nelle tenebre. E' l'abbraccio caldo quando torno a casa. Forse, dovrei dire "era". Ma non lo faccio e non lo farò mai. E' sempre con me. Tutto quello che faccio, è per lei. 
Mi manchi moltissimo.
Ti voglio bene. 
Xenia II, 5       

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue. ”     

lunedì 6 maggio 2013

#2 - The City

Everything, in my life, brings to The City. Yes, sir. I love the Big Apple. Everyone who knows me, knows  perfectly about my big love: New York City. I've never been there, but being there even right now, living there is one of my biggest dreams. I grew up watching Carrie, running along the Fifth Avenue, on a pair of Manolo. She was looking for Mr. Big. I found him in New York.
I think that it is the most inspiring city in the world. You never know what is going to happen, which party you are going to take, all the people you are going to meet. 
In those streets you can breath something of strange, fashion and music are mixed in the air. Love, passion, happiness: this is The City for me.
Even the bad sides are bright. Flawless. Probably I'm affected by NYC, it's like a disease. Well, It makes me happy. The City is an adventure, it's a creative jungle. Every single person can be him/herself, finding his or her own place. "Home is where the heart is". I know it's kinda weird, I know that it seems stupid. I've never been in the City, but I love it so much. I feel that it's my home, the perfect place where I can be who I want to be. When I turned in 18 my parents let me to go to NY, from then I'm planning the journey. Can't wait to be there! 

My mom says I'm going to be disappointed by The City, but I'm sure: This will never happen. 

One day, I'm going to bite the Big Apple.

------------------------------------------------

Tutto, nella mia vita, riporta alla Città per antonomasia. E non sto parlando di Roma. Sì, signore. Amo la Grande Mela. Tutti quelli che mi conoscono, sanno perfettamente del mio grande amore: New York City. Non ci sono mai stata, ma essere lì anche in questo momento, viverci è uno dei miei più grandi sogni. Sono cresciuta a pane e Carrie, guardandola mentre correva lungo la Fifth Avenue, su un paio di scintillanti Manolo. Stava cercando Mister Big. Io ho trovato il mio Big, ed è New York.
Penso che sia la città che maggiormente è in grado di ispirare una persona, di renderla felice. Non sai mai cosa ti succederà, a quale party andrai o tutte le persone che incontrerai.
In quella strade si può respirare qualcosa di strano, moda e musica s'intrecciano nell'aria. Amore, passione, felicità: New York è tutto questo.
Anche i lati negativi sono luminosi. Senza difetti, perfetta. Probabilmente sono affetta da questa città, è come una malattia. Ma mi rende felice. New York è un'avventura, è una giungla creativa. Ogni singola persona può essere se stesso, trovare il proprio spazio. "Casa è dove sta il cuore". Lo so, è strano. So che sembra stupido. Non ci sono mai stata, eppure la amo così tanto. E' un po' infantile, lo ammetto. Sento che quella è  casa mia, il posto perfetto per essere quello che voglio essere. Quando divenni maggiorenne, i miei genitori mi permisero di intraprendere questa avventura e da allora non ho mai smesso di organizzare il viaggio. Non vedo l'ora di essere lì.

Mia madre preoccupata mi dice che New York mi deluderà, che non è bella come credo, ma ne sono sicura: questo non accadrà mai.

Un giorno, morderò la grande Mela.





    




 




domenica 5 maggio 2013

#1 - M as ME.

Here we go, again.
This is my "new" life space.
New, for the second time.
This is the new version of Heels & Chips.

M as Marianna.
That's ME.
I hope we'll be able to talk here of what we want:
Love
Fashion
Life travelling
Music
Everything.

I'm waiting for you. 




---------------------------------------



Ci siamo, di nuovo.
Questo è il mio "nuovo" posto. 
Nuovo, per la seconda volta.
Questa è la nuova versione di Heels & Chips.

M come Marianna.
Sono IO.
Spero vivamente di poter parlare qui di qualsiasi cosa vogliamo:
Amore
Moda
Viaggi
Musica
Tutto.

Vi aspetto.


                                                                                                                 Marianna