martedì 3 settembre 2013

#20 - A new dawn



Settembre 2013. La fine e l'inizio. 18 anni e tanti interrogativi, troppe strade da voler percorrere e poche che davvero percorrerò. Ho troppi sogni, tante speranze, moltissime aspettative. Ho da poco finito le superiori, e fra alcune settimane dovrò andare all'università. Ho sempre saputo quale carta giocare per prima, quale mossa fare. Ora non più. Sto giocando ed il premio in ballo è troppo alto. Qui si tratta di "now or never", dentro o fuori. Devo fare una scelta che, nel bene o nel male, mi cambierà la vita. Cambierò città, cambierò casa, cambierò amici, cambierò abitudini. Mi rimane la mia famiglia e me stessa. Volevo fare il medico, volevo fare delle buone azioni che potessero cambiare la vita alle persone, alleviare i dolori come se fossi la paladina della Giustizia. Poi, una mattina senza un motivo tutta la mia sicurezza, tutti i miei sforzi si sono vanificati. Non sapevo più che cosa volevo fare, o meglio studiare per diventare medico mi sembrava un miraggio, una chimera, impossibile da raggiungere. Allora decisi di pensare alle mie tante passioni. La prima è quella che faccio qui, scrivere. Scrivere in italiano e nel mio pessimo inglese. La moda, i viaggi, la vita sono sempre state queste le mie passioni più grandi. Quando ero piccola sognavo di diventare una stilista, ed ero anche discretamente brava. Avevo fogli dappertutto, i miei progetti invadevano casa. Seguivo con attenzione le sfilate e leggevo Glamour, forse a 12 anni. Ieri ho comprato per la prima volta Vogue. Una sensazione assurda. Forse Sex and the City mi ha influenzata troppo o sono i troppi sogni che ho in testa che mi fanno sentire così. Con Vogue, ieri, c'era un'altra sezione. Gli stilisti emergenti, un fascicolo completamente in inglese e mi sono sentita elettrizzata. Tra tutta questa confusione, sono contenta di una mia scelta: cosa studiare. Spero di intraprendere la strada giusta. Studierò Lingue, per diventare una giornalista. Ogni scelta che facciamo non è mai una scelta semplice, anche quella che ci sembra più comoda. Quella che ho scelto, è una strada in salita, molto ripida. Non è tutto rosa e fiori, me ne rendo conto. Ma che male c'è a credere e a sperare che qualcosa di buono possa capitare proprio a noi? Stay positive, qualcuno diceva. Milioni di ragazzi ora si sentono come me, impauriti e spaesati. La paura di sbagliare e di deludere è molta. Il cambiamento per quanto mi elettrizzi, questa volta mi spaventa. Siamo dentro una tempesta, perfetta o no, rimane una tempesta. Settembre rappresenta l'inizio di tante cose. La scuola riapre a Settembre. I centri sportivi riaprono a Settembre. A Settembre si comprano sempre degli abiti nuovi. A Settembre si rincorrono i sogni. Chi parte con il piede giusto, è già a metà dell'opera. Che sia un buono inizio per noi giovani, che ci sentiamo senza via di uscita. Per le famiglie, come la mia che ringrazio ogni giorno o come quelle un po' meno fortunate. Per chi cerca lavoro. Per chi soffre d'amore. Per chi è in partenza. Per chi ha deciso di cambiare e per chi ha deciso di rimanere com'è. Per chi ama, se stessi e gli altri. Per chi è triste e per chi è felice. Un buon inizio per tutti, e buono deve esserlo per forza. 


September 2013. The end and the start. 18 years old and so many questions, so many roads to walk through and only few roads that I will really walk through. I have too much dreams, so many hopes and a lot of expectations. I ended the highschool a while ago, and in a couple weeks I have to go to the University. I've always known which card I should play first, which step to make. But now I don't. I'm playing and I don't know the game's rules. The prize is too high. It's now or never, in or out. I have to make a choice, that will change my life forever. I will change my city, I will change house, I will make new friends, I will change my routine. I'll always have my family and myself. I wanted to be a doctor, I wanted helping people, making good actions that can help people, to alleviate pain as Wonder Woman does. Then, a morning I woke up and all my self-confidence, all my hard works to make it are gone away. I didn't know what I wanted to do, studying medicine seems to me an illusion, a dream too big to reach. So I decided to think about all my passions. The first is the one that I do here, writing. Writing in italian and in my really bad english (I'm working on it, it will be better. I promise). Fashion, travels, life are all my bigger passions. When I was a child I dreamt about becoming a fashion designer, and I was pretty good. My drawings were scattered in each room of my house. I followed with attention the catwalks and I read Glamour, maybe when I was 12. Yesterday I bought for the first time Vogue. A weird and beautiful feeling. Maybe Sex and the City had too much influence on me or all the dreams in my mind make me thinking and acting like this. Yesterday on Vogue there was another section, "the new talent" one and this one is completely in english and I was like an idiot, I was electrify. Between this confusion, I'm happy to have made a choice. I've choosen which will be the matter of my future studies. I hope that mine's the best choice. I'll study Languages to become a journalist (I hope in the fashion world). Every choice that we made isn't easy at all, even if we choose the most simple. The one that I choose is very hard. I know it. But I believe in the power of the people. I think that good things come to the good people, like us. It's possible that good comes to us. Stay positive, someone said. A lot of kids like me are scared, confusioned and disoriented. We are afraid to be wrong and to disappoint the people we love. I like changes, they electrify me but now it freaks me out. We are in a storm, perfect or not, it is still a storm. September is the beginning of a lot of things. School opens in September. Sports open in September. September is the good moment to buy new stuff. September is the good moment for chasing dreams. Who starts well is in the middle of the work. I hope that it will be a good new start for us, young people who feel alone and blind-alley. A good start to all the families, as mine (I'll never stop thanking you) and to the unlucky families. A good start for who's finding a job. A good start for who's suffering about love. A good start for who's moving on. A good start for who wants make a change and for who wants stay like he is. A good start for who loves himself and others. A good start for who's sad and for who's happy. A good start to everyone, and this must be good. 


 


 


 




1 commento:

  1. Girl! I know how it feels to be 18 and questioning everything in life! It is the point in your life when you ask yourself what do I want to become and where do I want to be? Just follow your gut! Never do things on "bad vibes". Your gut never lies! Also don't give up on your dreams! Go after it because you can do whatever you want, no matter WHAT anybody tells you! Be great in life and make a difference.

    Good luck in life!

    Check out my 1st new blog! Follow me on Bloglovin? & I’ll do the same! Keep in Touch! =)

    I Am Marie Liv Bloglovin

    I am Marie Liv

    RispondiElimina